Una poesia di Giuseppe Morabito

libroOcchi, miele, sentire, colmare, tornare, capire, suonare, fiorire,
dormire, crescere e morire.
E’ non vedere tutto ciò che è riflesso come il disordine che sempre
mai esiste, mentre tenacemente disconosci la tua veglia e ti assopisci
in un avaro divenire egemone fiducioso di un abbandono.
Mai leverò lo sguardo alla luce e se l’ombra del vento non sedurrà
il mio primo ricordo, mille dei miei giorni non avranno risposta.
Giuseppe Morabito
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Author: thoth sas

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *