GUARDA IL VIDEO

 

V EDIZIONE – 2008
POETI VINCITORI  

ONDA PRIMA – POESIA GIOVANE – SETTORE A: ALUNNI SCUOLA ELEMENTARE

1 – ROBERTA PULICARI – lirica: Shoah – Brattirò di Drapia – VV

2 – LUANA GRILLO – lirica: A voi uomini – Daffinà di Zambrone – VV

3 – ELENA MICALI – lirica –I sogni di un bimbo – Santa Domenica di Ricadi – VV


ONDA PRIMA – POESIA GIOVANE – SETTORE B: ALUNNI SCUOLA MEDIA INFERIORE

1 – ALBERTO CONFORTI – lirica: Silenzio autunnale – Tavernelle Val di Pesa – FI

2 – GIUSEPPE LA TORRE – lirica: La penisola italiana – Tropea – VV

3 – GIOVANNI LICO – lirica: Che mondo è? – Vibo Valentia – VV


ONDA PRIMA – POESIA  GIOVANE – SETTORE C: ALUNNI SCUOLA MEDIA SUPERIORE

1 – MARIAELISA GIOCONDO – lirica: Emigrazione – Gerace – RC

2 – MARIAROSA FRANCO – lirica: Ed è amore – Brattirò di Drapia – VV

3 – MAURIZIO PANTANO – lirica: Dormi – San Nicolò di Ricadi – VV


ONDA SECONDA – POESIA INEDITA ADULTI

1 – PIERINO PINI – lirica: Volo di gabbiani – Montichiari – BS

2 – ADOLFO SILVETO – lirica: Iqbal Masih – Boscotrecase – NA

3 – EGIDIO DE LUCA – lirica: Auschwitz – Roma – RM


ONDA TERZA – POESIA IN VERNACOLO

1 – RAFFAELE TOMEO – lirica: Minaturi a Marcinelle – Mileto – VV

2 – MICHELE CELANO – lirica: U palcuscenicu da vita – Tropea – VV

3 – PAOLO LANDRELLI – lirica: Riflessioni i nu’cinquantennI – Ardore Marina – RC


ONDA QUARTA – POESIA EDITA

1 – ROMANO CAJELLI – opera: Maschere di sale – Busto Arsizio – VA

2 – ROSA MINEI ASTARITA – opera: PoemettI – Meta – NA

3 – EDDA GHILARDI VINCENTI – opera: Tra sentimenti ed incanti – Bergamo – BG


ONDA QUINTA – POESIA D’EUROPA E MEDITERRANEA

1 – TERESA SCIALPI – lirica: Hablare a tu hija de mi eroe – Pulsano – TA

2 – PASQUALINA SCRUGLI – lirica: Pour un sourire – Tropea – VV

3 – GIANNI GLIATAS – lirica: Talassa – Atene – GRECIA


ONDA SESTA – POESIA DEL PRIMO LUSTRO

1 – ANTONELLA DE LUCA – lirica: Omaggio a Tropea – Genova – GE

 

GIURIA

 

DOTT. GAETANO ANTONIO BURSESE – CONSIGLIERE DI CORTE DI CASSAZIONE – ROMA – PRESIDENTE

PROF.SSA LILLY PAGANO – INSEGNANTE ISTITUTI SUPERIORI – TROPEA – VV

MAESTRO  ELISA LAUREANA – MUSICISTA – TROPEA – VV

SIG.NA ILARIA MAMONE – ESPERTA D’ARTE – DRAPIA – VV

SIG.RA ANNARITA PANDULLO – ASSISTENTE SOCIALE – TROPEA – VV

SIG. GIUSEPPE MELIGRANA – EDITORE – TROPEA – VV SEGRETARIO s.d.v.

 

PERSONAGGIO ILLUSTRE PREMIATO

2008 – VINCENZO FAZZARI

Vincenzo Fazzari unisce in sé umiltà e grandezza. Umiltà nella vita, grandezza nell’arte. Se ti aggiri per le numerose chiese di Tropea e dei casali, o sosti in preghiera nelle normanne navate della cattedrale di fronte alla bruna Vergine di Romania, sentirai la musica e un canto che aleggiano nell’aria e ti prendono, ancor oggi, il cuore: è la musica suonata all’organo e il canto baritono di Vincenzo Fazzari. Umile figlio del popolo, suo padre era calzolaio, ha vissuto sempre con dignità e distacco dai rumori frastornanti della vita cittadina preso dal suo lavoro di imbianchino e dalla sua arte canora e musicale. Fin dal 1942 maestro di cappella della cattedrale di Tropea, con innato il senso dell’arte e della musica, autodidatta, si formò alla scuola del conte Antonino Scrugli e del maestro di musica Francesco Teodoro. A soli dieci anni fece parte della banda con posto in prima fila sul paco fisso di piazza Ercole, apprese l’arte della composizione (ha trascritto, infatti, su rigo musicale l’opera dialettale “Cu ha perzu figghi” riuscendo ad evidenziare e ad esaltare la sacralità del canto popolare), si specializzò in vari strumenti: il Corno mi bemolle e il Tricorno soprano, ma soprattutto imparò a padroneggiare uno strumento difficile e complicato come l’organo. Amico del grande compositore don Giosuè Macrì, fu organista di pregio unendo nell’esecuzione dei sacri brani naturalezza e passione. Il timbro della sua voce, forte e maschia, risuonò a lungo in tutte le chiese tropeane durante le feste e nelle novene di cui aveva “l’esclusiva” allietando col suo canto le sacre funzioni a onore e gloria di Nostro Signore. Vice maestro nella banda fondata dal maestro Antonio Sirignano, vive appartato, con modestia e con religioso senso della vita.